Il magnesio e l’emicrania

Si valuta che in una famiglia ogni quattro in Europa e nel Nord America, vi sia una persona che soffra di emicrania.

La causa primaria non è conosciuta e probabilmente è diversa da persona a persona.

L’emicrania è considerata una malattia ereditaria; se entrambi i genitori  soffrono di emicrania vi è una probabilità del 75% che anche i figli ne soffrano.

Purtroppo l’emicrania non è considerata come definitamente curabile, ma come trattabile e controllabile.

Questo disturbo neurologico, che colpisce circa il 12% della popolazione, si manifesta con cefalea intensa, nausea, sensibilità alla luce e al suono, fatica, sudorazione e problemi di concentrazione.

L’emicrania può durare anche fino a tre giorni.

Le persone che ne soffrono hanno bassi livelli di Magnesio nel cervello durante gli attacchi.

Quindi gli integratori di Magnesio rappresentano un valido supporto per prevenire le emicranie e studi hanno dimostrato come riducano il numero di giorni in cui le persone presentano questo fastidioso disturbo.

Uno dei principali ruoli del Magnesio è il controllo dell’eccitabilità nervosa e muscolare, tanto che la sua carenza è associata alla sindrome di ipereccitabilità neuronale, caratterizzata da numerosi sintomi fra cui, appunto, l’emicrania.

Il Magnesio, inoltre, agisce sui recettori della serotonina, e sulla sintesi e rilascio dell’ossido nitrico, fattori connessi all’attacco acuto di emicranie.

Studi scientifici ci dicono inoltre  che più del 50% dei pazienti affetti da cefalea mostra bassi livelli di Magnesio intracellulare.

Un recente studio (Thomas, 2000) condotto su pazienti affetti da questa malattia, di età compresa tra i 18 e i 65 anni, ha dimostrato inequivocabilmente come il supplemento di Magnesio al dosaggio di 600 mg/die per dodici settimane abbia determinato una riduzione del 40% della frequenza delle crisi emicraniche.

Si può pertanto concludere che il Magnesio, grazie alla elevata sicurezza terapeutica ed al suo basso costo, risulta essere un valido e naturale rimedio, la cui integrazione è consigliabile a tutte quelle persone affette da questa sindrome, a patto che vengano eliminate anche le cause di eccessivo consumo di Magnesio come ad esempio le intolleranze alimentari ai carboidrati.

Approfondimenti Correlati

Ti potrebbe interessare

Risorsa 10
Ginkgo Composto
Risorsa 11
Laboratorio Galenico dal 1988
Energia Fisica/Energia Fisica e Mentale
Risorsa 10
Vitamina D3
Risorsa 11
Laboratorio Galenico dal 1988
Energia Fisica e Mentale/Vitamine e Minerali
Risorsa 10
Immuno C
Risorsa 11
Laboratorio Galenico dal 1988
Energia Fisica e Mentale/Vitamine e Minerali